All Around You


Porto Rotondo batte Porto Cervo per vivibilità e comodità 1 a 0. “Ma vuoi mettere fare tutte quelle curve..!” si giustificano le signore portorotondine. Alludono alla strada panoramica della Costa Smeralda o a quella che travalica San Pantaleo o anche alla trafficata strada che conduce verso i bivi di Arzachena. Non a torto perché le strade sono intasate di traffico in estate, pericolose per la guida “alla sarda” non proprio esemplare e perché non tutti sono astemi, in una parola stressanti quando, appena scesi all’aeroporto Costa Smeralda o dal traghetti della Moby si vuole solo poter giungere in venti minuti a casa.. compresa sosta alla pasticceria del Bar Gelateria del Molo per un caffè fatto ad arte e il primo scioglievole croissant! Porto Rotondo è comoda e servita e con tante piacevoli occasioni a portata di pigrizia…

Si inizia il lunedì mattina con una capatina al mercato di Golfo Aranci per l’acquisto delle verdure. Il lungomare recentemente ristrutturato è una sfilata di baretti con grande vista sul Golfo di Olbia dove è piacevole fare colazione. Dopo il mercato passaggio nella pittoresca via dei Pescatori per acquisti di cozze, arselle e quant’altro. Acquisti di pescato si fanno anche direttamente dalle barche che rientrano al porticciolo che conclude il paese all’ombra del traghetto della Sardinia Ferries. Gite a Golfo Aranci ancora per godere di Cala Sabina spiaggia da sogno caratterizzata dalla stazioncina ferroviaria o per il fritto di paranza alla storica trattoria Manzoni ( prenotare please!) o accanto alla chiesa la pizzeria napoletana: La Pecora Viziosa.

Martedì o mercoledì si raggiunge Olbia per la spesa settimanale. Molto apprezzato il supermercato Romagnolo dislocato all’inizio di Viale Aldo Moro a destra scendendo verso il centro. Ottimi i ravioli di ricotta e buona scelta di pane Carasau, pecorino e ricotta fresca. In caso di commissioni in Centro un salto alla libreria l’Isola per l’ultimo libro di Marcello Fois a due passi dal caffè storico Matteotti in piazza Matteotti per la pausa pranzo e un buon fritto di calamari freschi contornati da patatine lo trovate di fronte al Museo Archeologico sul lungomare al Ristorante Principe Umberto. Il mercoledì si raggiunge il paese di Arzachena per smarrirsi in piazza Risorgimento tra i banchi del ben frequentato mercato, tra artigianato sardo e scialli di cachemire. Bisogna assolutamente esserci invece il giovedì in quel ritrovo di tutti i villeggianti della costa che è il mercato di San Pantaleo. Sulla bellissima piazzetta del borgo, sospeso tra le incredibili rocce, va in onda il rito che un pubblico internazionale adora…a ragione!

Si inizia con la colazione al bar da Nico, istituzione locale, si prosegue tra i banchi e oltre, nelle botteghe d’arte o di abbigliamento magari famose come quella di Foresta G. E per quelli che “ ..il mercato è uno stile di vita” il venerdì, da metà giugno a metà settembre, non si manca neppure il mercato stagionale di Porto Cervo. Per girovagare tra argenti vintage e bijoux di qualità, forse è meglio lasciare l’auto nel piazzale adiacente alla Buffetti in località Abbiadori e proseguire con il servizio navetta, parcheggiare nel piazzale di Sopravento dove si svolge il mercatino super chic potrebbe non essere la cosa più facile. Miele di asfodelo, carciofi spinosi in stagione, torrone di Tonara, pomodoro , pecorino, arance di Muravera… conoscete forse   un modo più autentico e felice di avvicinarvi alla cultura sarda? Sempre armati di buone intenzioni, se il cielo è coperto o la calura insopportabile, salite sui monti Galluresi che le sugherete rendono fatati alla scoperta di Tempio Pausania, uno scenario di granito dove gustare la zuppa gallurese nell’antica trattoria al Giardinetto da Roberto Putzolu ex barman del Tartarughino di Porto Rotondo o godetevi i suggestivi riti pasquali dei paesi Sardi. O ancora cercate la feste campestri ( La Nuova Sardegna puntualmente le segnala con giorni d’anticipo) che nelle pievi si susseguono ininterrotte ogni domenica da primavera ad autunno o perdetevi nelle cantine della Strada del Vermentino…

Testi by N.T