• _DSC7046-16
  • _DSC6982-2
  • _DSC7069-27
  • casa di campagna
  • _DSC7064-25
  • _DSC7058-23
  • _DSC6984-3
  • _DSC6985-4
  • _DSC6997-Modifica-30
  • _DSC7002-Modifica-31
  • _DSC7013-5
  • _DSC7017-6
  • _DSC7019-7
  • _DSC7021-8
  • _DSC7037-11
  • _DSC7038-12
  • _DSC7040-13
  • _DSC7043-14
  • _DSC7045-15
  • _DSC7048-17
  • _DSC7050-18
  • _DSC7051-19
  • _DSC7053-20
  • _DSC7057-22

Vendita - Villa, villa di campagna

casa di campagna immerse nel verde delle campagne tra Olbia e Porto Rotondo, circondata da un terreno agricolo di circa 15.ooo metri quadri con un pozzo di acqua minerale e uno per l’irrigazione della vigna e dell’orto . la casa di campagna e composta da un soggiorno con angolo cottura , camera da letto matrimoniale e bagno , è previsto inoltre un ampliamento per la realizzazione di una seconda camera . completano la proprietà un secondo stabile composto da un unico ambiente che si potrebbe trasformare un un bel monolocale per ospiti .

il punto di forza è dato dalla sua posizione strategica a pochi passi dai servizi che offre la città di Olbia e la vicinanza al mare di Porto Rotondo e della famosa spiaggia di Marinella 

http://www.immobiliareclaudiogiuntoli.com/?post_type=property&p=8866&preview=true

 

casa di campagna

 

 

 

 

 

 

Lo stazzo si presenta come una struttura modesta, quasi a rispecchiare la povertà delle risorse di quei luoghi, ha una pianta rigorosamente rettangolare ed è costituito da muri, con spessore di circa 80 cm, che sono sempre intonacati all’interno mentre all’esterno appaiono generalmente allo stato grezzo (a volte veniva intonacata la facciata e i muri laterali, ma mai quello retrostante).

Il materiale usato era naturalmente la pietra locale, il granito, che veniva sagomato in parallelepipedi lunghi 50 cm e alti 25 cm.

La porta, rialzata dal suolo a mezzo di una soglia di granito monolitico, è a due battenti con quattro pannelli, dei quali uno è mobile in modo da poter essere usato come finestra.

Il tetto è a due spioventi, tranne nella Gallura del sud dove è più comune quello ad uno spiovente, ed è costituito da una serie di tegole non cementate, ma tenute ferme da una serie di sassi.

Riguardo agli ambienti interni si deve distinguere tra lo stazzo monocellulare, dello “casa”, diffuso nella Gallura meridionale, e lo stazzo bicellulare, che è la struttura attualmente più diffusa. Il primo è costituito da un unico ambiente, ovviamente rettangolare, che funge da cucina, da ambiente di lavoro e da camera da letto, nel quale l’assenza di finestre è sopperita da due porte, poste una di fronte all’altra, in modo da aerare adeguatamente il locale. Al centro della sala c’è il focolare, sprovvisto di camino, il cui fumo viene smaltito attraverso il tetto. In alcuni casi la “casa” è stata ampliata, inserendo gli ambiente lateralmente.

Lo stazzo è sempre compreso entro un recinto, denominato “pastrucciale”, all’interno del quale solitamente si erge un leccio per proteggere la casa dalla neve e dal sole, internamente invece il primo ambiente è la cucina, al centro della quale vi è il focolare, l’altro ambiente è la stanza da letto. Anche queste costruzioni sono state ampliate per giustapposizione laterale, sia in funzione dell’aumento della prole, sia per le migliorate condizioni di vita, così spesso il focolare veniva sostituito da un forno esterno.

 

Similar Properties