Le Spiagge Segrete


L’arte del dolcefarniente a Porto Rotondo comprende ovviamente la vita di spiaggia, un rito da affrontare con consapevolezza per garantirsi il massimo godimento possibile. Premesso che su questa costa si è da sempre abituati a trascorrere le giornate tra acque di cristallo, sabbie di borotalco o di granito rosa e panorami incomparabili, premesso che il piacere di cambiare spiaggia è un dovere estetico e premesso pure che gli storici villeggianti vantano una spiaggia del cuore, se quello che si ricerca è la pace sublime di vecchia tradizione Porto Rotondo offre angolini tra sabbia e mare che vantano un certo numero di romantici followers…

Quindi se non volete rifugiarvi nella tradizione del Bagno di famiglia come Tartarughino Beach alla Spiaggia dei Sassi cercate le spiaggette del “com’era una volta” ovvero: niente strutture, niente servizi, possibilità di prendersi il sole in topless, niente bagnanti che giocano con i racchettoni, nessun venditore ambulante o quasi …. e via dicendo. Le controindicazioni di questa scelta sono poche e sopportabili: portarsi le scarpette da scogli, un ombrellone, lo spuntino e l’acqua oltre ovviamente a delle buone creme solari.

La prima via di fuga dalla folla è costituita dalla spiaggetta di Rudargia che si raggiunge da via del Sagittario, da qui o si prende la discesa più ripida, quella che sfiora il muro di cinta di villa Persico, se girate a destra in fondo al parcheggio sfilerete invece davanti al meraviglioso giardino di Villa Boldrocchi. In entrambi i casi il tragitto si conclude su un viottolo incastrato tra i muri di cinta delle due proprietà e porta a mare. La spiaggia è attrezzata con il baretto del famoso Angelo, la parte finale è libera e ci si rilassa guardando lo spettacolo della superba spiaggia Ira affollata di bagnanti sin da inizio stagione. Seconda via di fuga dalla pazza folla: la spiaggetta di Punta Lepre conosciuta come “spiaggia dello Sporting”, in pieno centro molti sottovalutano questo delizioso angolino che trovate incuneato tra i frangiflutti prospicienti la bella struttura.

Qui pace assoluta, vista sulla Costa Smeralda, volendo si può usufruire di docce e servizi igienici: sono quelli della Marina di Porto Rotondo, a due passi, in piazzetta dello Sporting la mitica signora Maria vende giornali e sigarette, accanto il Bar dei Marinai. Terza possibilità: spiaggia di punta Volpe. Raggiungete questa bellissima spiaggia percorrendo tutta Punta Volpe sino alla rotatoria finale. Qui solo pace, silenzio e panorama allietato dal passaggio delle barche a vela o da superbi yachts. La quarta possibilità di trovare il vostro prezioso angolino vi conduce alla spiaggia forse più amata dai portorotondini: la spiaggia Huskra! Armatevi di scarpette idonee perché questa perla si raggiunge attraversando gli scogli e il viottolino che parte a destra della spiaggia dei Sassi. Superate la spiaggia Shirley Bassey che già può essere sosta per un primo bagno e procedete fiduciosi. La piccola spiaggia che conclude a mare quella che fu la villa dei fratelli Huskra è un fazzoletto caraibico che non aspetta che voi! Infine dedicata alle poche ore che vi rimangono prima del traghetto o dell’aereo l’opportunità della sassosa spiaggetta Rudalza. La raggiungete da via del Plumbago, dalla piattaforma che guarda l’ingresso al porto a metà mattina o al crepuscolo potrete ammirare il passaggio di splendide barche.

Testi by N.T